L’industria pornografica? Ce la racconta l’ultimo show targato HBO trasmesso su Sky Atlantic: The Deuce: La via del porno, con protagonista James Franco, che narra gli esordi del cinema a luci rosse in un’atmosfera decadente come quella della New York fra anni Settanta e Ottanta.

L’epoca d’oro del porno, l’hanno definita. Quella che fra il 1969 e la prima metà degli anni Ottanta ha dato vita ad un gran numero di pellicole hard dai contenuti sessuali espliciti e ricche di nudi integrali. Tutto comincia nel 1969 con il rilascio del film Blue Movie del 1969 diretto da Andy Warhol e di Mona, l’anno successivo, prodotto da Bill Osco. Ma chi erano le star senza veli che hanno fatto grande l’epoca del cinema porno?

 

Il re del porno

Il porno attore più celebre di sempre John Holmes è considerato il divo a luci rosse per eccellenza. John Curtis Estes all’anagrafe, ha raggiunto il successo negli anni '70 , spopolando fra gli amanti del genere, tanto da meritare pure una canzone a lui dedicata da Elio e le storie tese. È scomparso nel 1987 all’età di 44 anni stroncato dall’AIDS, dopo avere affrontato diversi problemi con la droga e la giustizia.

 

 

 

Il porno attore John Holmes agli Erotica Awards del 1977 al Wilshire Ebell Theater di Los Angeles - Getty Images

 

 

 

 

Wikimedia 



L’Harry Reems di Gola profonda
Classe 1947 e un bel paio di baffi sulla bocca, il nome (e le grazie) di Harry Reems hanno fatto il giro del mondo nel corso degli anni Settanta. Fra il 1971 e il 1989 è comparso in almeno 140 pellicole pornografiche, fra i più noti ricordiamo The Devil in Miss Jones e La vera gola profonda, per cui è stato pagato 250 dollari per un solo giorno di lavoro. In origine Harry Reems, come d’arte di Herbert Streicher selezionato proprio dal regista di Gola profonda ad insaputa dell’attore, era stato scelto come semplice comparsa nel film, ma non trovando un altro attore adatto al ruolo di protagonista, la parte è poi andata a lui.

 

 

 

Harry Reems davanti alla locandina di 'Inside Deep Throat,' il documentario legato alla storia de La vera gola profonda - Getty Images



Dai fotoromanzi al cinema hot

Prima ha fatto carriera apparendo in una serie di fotoromanzi a luci rosse, poi è andato davanti alla macchina da presa, per poi finire dall’altra parte, iniziando a produrre film hard. È la carriera del francese Gabriel Pontello, che con oltre 150 pellicole (tutte a luci rosse) in attivo, è diventato l’idolo del nostrano Rocco Siffredi. È stato proprio Pontello a raccomandare il divo italiano del porno, introducendolo nell’industria a luci rosse.

 

 


Il “Porcospino” Ron Jeremy
Debutta nel mondo del cinema porno nel 1979: a cosa è dovuto il soprannome che è stato affibbiato a Ron Jeremy sul set? E’ “grasso, basso e peloso”, come si è definito lui stesso. Così l’aspetto da uomo comune lo ha reso particolarmente simpatico al pubblico, complici alcune particolari capacità amatoriali mostrate sul set, e nel 2003 viene nominato “migliore attore porno di sempre”. Ha lavorato come consulente tecnico per le scene di sesso nei film 9 settimane e ½ e Boogie Nights - L'altra Hollywood.

 

 

 

Getty Images

Peter North in attività
E’ il più celebre fra i pornodivi ancora in attività: l’esordio nel mondo del porno avviene all’età di 24, nel 1984,e da allora il porno attore canadese non si è più arrestato. Una curiosità: alle attrici che girano scene di sesso con lui non è permesso toccargli i capelli, questo gesto provoca nell’attore una forte perdita di concentrazione, a scapito della performance sul set.

 

 

 

© Glenn Francis, www.PacificProDigital.com