1929, la Repubblica di Weimar è appena nata e, a dieci anni dalla fine della Grande Guerra, su Berlino iniziano a diffondersi le ombre del nazismo. Senza contare la presenza dei russi, dei rivoluzionari fedeli a Lenin e convinti che Stalin abbia tradito le intenzioni del loro leader. E senza contare l'estrema povertà e i vizi, la corruzione, e chi più ne ha più ne metta. Questo lo sfondo di Babylon Berlin, la nuova serie targata Sky Deutschland, dal 28 novembre in onda su Sky Atlantic HD alle ore 21.15.

 

 

 

La storia, ispirata al romanzo Der nasse Fisch di Volker Kutscher, segue le indagini di Gereon Rath (Volker Bruch) un ispettore di polizia veterano della Prima Guerra Mondiale, che come molti reduci soffre di shock post traumatico. Rath è in trasferta da Colonia a Berlino per risolvere un caso intricato che coinvolge mafia e pornografia. Una discesa infernale, quella dell’ispettore, in un ambiente sporco, corrotto che cambierà irrimediabilmente la sua vita. 

 

 

 

Ciò che all’inizio sembra un semplice caso di estorsione, infatti, presto si rivela uno scandalo dai risvolti preoccupanti. Insieme alla dattilografa della sezione omicidi Charlotter Ritter e al collega Bruno Wolter, Rath scoprirà un mondo sotterraneo di corruzione, traffico di armi e conflitti che lo indurranno a riflettere attentamente sulla propria posizione, in bilico tra lealtà e giustizia.

 

Babylon Berlin è la più costosa produzione tedesca e la seconda serie televisiva più costosa non in lingua inglese. Le premesse per il successo ci sono tutte, non ci resta che giudicare in prima persona, il 28 novembre su Sky Atlantic HD.