Agosto, tempo di vacanze, anche per il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.  Lo aspettano ben due settimane di relax in New Jersey, che sicuramente vorrà riempire con uno dei suoi passatempi preferiti: guardare la televisione. Tuttavia, si sa, Trump e i giornalisti non vanno molto d’accordo ultimamente e il tg potrebbe innervosirlo, vanificando l’effetto ristoratore del viaggio. A risolvere il problema ci ha pensato il New York Times, suggerendo serie tv e film da gustare comodamente seduto sul divano e opere teatrali in caso facesse un salto a New York City, nostalgico del traffico cittadino. Nella lista, anche un successo tutto italiano, Gomorra,  la serie tv, la cui terza stagione vedremo prossimamente su Sky Atlantic

 

Ecco, dunque, gli show che Trump dovrebbe guardare durante le vacanze:

 

Gomorra - La serie

 

 

 
 

 

 

La serie, tratta dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano e prodotta da Sky insieme a Cattleya e Fandango, potrebbe soddisfare i gusti del Presidente, già dichiaratamente amante di saghe come Il Padrino di Coppola e Quei bravi ragazzi di Scorsese. “Un’opera drammatica ed emozionante”, così la definisce il NYT, che racconta la storia della famiglia Savastano, dei suoi alleati e nemici nella guerra per il controllo del traffico di stupefacenti. Sullo sfondo Scampia, Secondigliano e poi Napoli, Roma, di stagione in stagione l’inquadratura si allarga, allontanandosi dall’architettura claustrofobica delle Vele, e mostrando come la criminalità, la violenza gratuita, l’odio tra chi pochi istanti prima si chiamava ‘fratello’, la subordinazione di valori nobili alle regole di un onore costruito su vite che di onorevole non hanno nulla, non sono stereotipi chiusi tra argini immaginari, ma un cancro in grado di estendere ovunque le sue radici, non sempre al suono eclatante degli spari. Don Pietro, sua moglie Imma, il figlio Genny, Ciro, Salvatore Conte e tutti gli altri trascinano lo spettatore in un vortice in cui gli eventi, le alleanze e le carte in tavola cambiano in fretta, la fortuna gira veloce e nessuno può mai smettere di guardarsi le spalle. Non c’è momento migliore per riguardare Gomorra, tutto d’un fiato, in attesa della terza attesissima stagione, in onda su Sky Atlantic in autunno.

 

Neil Young: Heart of Gold

Il film concerto diretto da Jonathan Demme potrebbe scatenare sentimenti contrastanti nel cuore del Presidente. Se, infatti nel 2006 su Rolling Stone, Trump ha definito, Young "davvero speciale", gli ha in seguito dedicato parole meno gentili, quando questi ha rifiutato di concedere l’uso di una sua canzone durante un evento della campagna presidenziale.

 

Miss Detective

Chi non conosce il film in cui la splendida Sandra Bullock interpreta un’agente dell’FBI, infiltrata al concorso di Miss America allo scopo di scongiurare un attentato? La Bullock è qui una donna forte che ama il suo lavoro ed è indifferente a tutte le accortezze che qualcuno si aspetterebbe da una ragazza. Dunque, abbiamo i servizi segreti e belle donne che sfilano in costume su una passerella, Trump potrebbe apprezzare! Forse però lo irriterebbero tutte quelle miss che desiderano ‘la pace nel mondo’, per non parlare della protagonista che non è proprio il suo modello femminile ideale. Forse però potrebbe essere d'ispirazione, non si sa mai!

 

Monk

La famosa serie tv americana che ha come protagonista un investigatore affetto da disturbo ossessivo compulsivo, compie quest’estate 15 anni dalla prima messa in onda. Secondo il NYT  a Trump potrebbe piacere, in modo particolare, il decimo episodio dell’ottava stagione, dove un uomo muore sul campo da golf, apparentemente a causa di un gradino non a norma. Tuttavia, i possessori di campi da golf come il Presidente possono tirare un sospiro di sollievo perché un caso di negligenza non sempre è ciò che sembra, come scoprirà Monk attraverso le sue indagini! 

 

 

Nell’elenco anche Glow, dedicato alle prime donne wrestler degli anni ’80 e gli spettacoli teatrali Hamilton, sulla storia americana e Come From Away che ha debuttato a Broadway a Marzo e ha come sfondo delle vicende l’11 settembre 2001.