Nella prossima stagione de Il Trono di Spade, in arrivo su Sky Atlantic il 17 luglio, un’orda di Estranei affamati di corpi umani è pronta a oltrepassare la barriera e spezzare definitivamente l’equilibrio precario del Continente Occidentale. I mostri di ghiaccio sembrano essere immuni al fuoco (a parte quello di drago), e le armi canoniche non li scalfiscono nemmeno.

 

C’è però un metallo, l’acciaio di Valyria, realizzato con fuoco di drago e incantesimi, che è in grado di trapassare l’armatura degli Estranei e ucciderli. La produzione di questo metallo è cessata con la caduta della Fortezza di Valyria centinaia di anni prima gli eventi presenti. Viste le proprietà magiche delle lame, che le rendono indistruttibili, alcune spade sono rimaste in circolazione, spesso tenute come cimelio prezioso nelle varie corti dei Sette Regni. Ecco le principali.

 

 

Lungo Artiglio (Longclaw) di Jon Snow

 

 

 

 

 

Lungo Artiglio è lo spadone con il quale Jon Snow, da comandante dei Guardiani della Notte, ha combattuto tutte le battaglie.  La spada gli è stata regalata dal Lord Comandante Jeor Mormont nella prima stagione della serie. Lungo Artiglio sarebbe spettata a Jorah Mormont, il figlio di Jeor e compagno di viaggio di Daenerys, ma dopo il suo esilio a causa del contrabbando di schiavi, la spada ha perso il suo erede. Jon Snow ha fatto apporre una testa di metalupo sull’elsa.

 

 

Giuramento (Oathkeeper) di Brienne di Tarth

 

 

 

 

 

 

Quando Ned Stark è stato ucciso ad Approdo del Re, la sua spada in acciaio di Valyria, Ghiaccio, appartenente alla casa Stark da generazioni, è stata fusa in due lame (operazione estremamente difficile che solo pochissimi fabbri al mondo riescono a svolgere) da Tywin Lannister. Una di queste, Giurmento, è stata regalata al figlio Jaime che a sua volta l'ha regalata a Brienne di Tarth, l’attuale proprietaria.

 

 

Lamento di Vedova (Widow's Weil) di Jaime Lannnister

 

 

 

 

 

 

La seconda spada forgiata da Ghiaccio è Lamento di Vedova. Tywin l’ha donata a Joffrey come regalo di matrimonio poche ore prima della sua morte. Joffrey ha (per fortuna) potuto godersi la spada solo in due occasioni: spaccando un libro e uccidendo un piccione. Una volta morto il Re, la lama è passata a Tommen, il fratello, suicidatosi qualche tempo dopo. Nelle immagini promozionali della settima stagione si vede Lamento di Vedova al fianco di Jaime Lannister.

 

 

Veleno nel Cuore (Heartsbane) di Samwell Tarly

 

 

 

 

 

Veleno nel cuore è la spada ancestrale della casa Tarly e sarebbe dovuta andare a Sam di diritto, ma il padre, che nel figlio non vedeva altro che un ammasso di grasso, ha spedito Sam alla barriera privandolo di tutti i suoi diritti di erede, così la spada è passata al fratello minore Dickon. Nella scorsa stagione, quando Sam torna a casa con Gilly e il figloletto attestando che le sue speranze di essere accettato in casa in quanto apprendista maestro sono nulle, decide di rubare la spada e scappare.

 

 

Queste non sono le uniche spade in acciaio di Valyria che circolano nel mondo de Il Trono di Spade, c’è anche la famosa daga con la quale hanno cercato di assassinare Bran Stark nella prima stagione, di cui non si sanno più notizie, e Sorella Oscura, la spada che apparteneva a Visenya Targaryen durante la conquista di Aegon di Westeros e che alcuni pensano sarebbe passata di mano in mano fino a Brynden Rivers, il corvo a tre occhi, che poi l’avrebbe a sua volta data a Benjen Stark.

 

 

Qui sotto, un dettagliato video di approfondimento: 

 

 

Ci sono sicuramente tantissime altre spade nascoste nelle segrete di qualche castello o tra i banchi del mercato nero di Westeros che potrebbero rivelarsi utili con un’invasione di Estranei alle porte, ma per scoprirlo bisognerà aspettare il 17 luglio l’uscita della nuova stagione de Il Trono di Spade, in onda su Sky Atlantic in contemporanea con gli Stati Uniti.