di Linda Avolio

 

 

Cosa fare per ingannare il tempo nei momenti d’attesa tra una stagione e l’altra de Il Trono di Spade? Niente di più semplice: basta andare online e mettersi alla ricerca delle teorie e delle speculazioni sui legami tra i personaggi e su cosa succederà nel finale. Non ci credete? Fatevi un giro sui principali fan site della serie, e, se ne uscite vivi, poi se ne riparla! Ci sono così tante pagine colme di nomi e ragionamenti e ipotesi che, volendo, raccogliendole tutte si potrebbe andare avanti a leggere per giorni e giorni. In particolare, c’è una teoria che riguarda Jon Snow e Meera Reed che nell’ultimo periodo è tornata a riscaldare gli animi degli appassionati e che ora andiamo a esporvi.

 

Anzitutto, cosa sostiene in breve questa teoria? Semplice: che Jon e Meera siano gemelli. Può sembrare una teoria ridicola, ma in realtà, se andiamo a ripercorrere le origini del bastardo di casa Stark, è facile rendersi conto che, almeno in via assolutamente ipotetica, i presupposti di base ci sono tutti.

 

Come ben ricorderanno i fan della serie, e come ben sanno i lettori, oltre a Ned l’unico sopravvissuto alla Torre della Gioia dopo lo scontro con Ser Arthur Dayne è Howland Reed, il padre di Jojen e Meera. Quindi, se Jon e Meera fossero effettivamente gemelli, avrebbe senso la loro “spartizione”: uno, il maschio, figlio illegittimo di un Principe, al prode Ned, mentre l’altro, la femmina, dunque meno “pericolosa” in caso di possibili futuri scontri dinastici (ndr, vi ricordiamo che nei Sette Regni sono solo gli eredi maschi a sedere sul trono), a Howland. Potrebbe forse essere questo il motivo per cui Ned e Howland, grandi amici, non si sono praticamente più visti dopo quel giorno? Per proteggere i bambini?

 

Sempre secondo i libri di Martin (nella serie, per forza di cose, molte parti sono state limate, tolte o riadattate), i due avrebbero la stessa età. C’è però un dettaglio non indifferente: gli occhi. A Westeros e dintorni la genetica non mente, e se Jon ha ereditato gli occhi della madre, gli occhi di Meera in Cronache del Ghiaccio e del Fuoco sono di un verde intenso, come quelli del fratello Jojen. C’è però da dire che gli occhi di Rhaegar nella saga sono addirittura viola, secondo la tradizione valyriana, mentre quelli di Dany nella serie non lo sono, dunque quello del colore degli occhi potrebbe in realtà essere un “non problema” da questo punto di vista.

 

Bisogna poi fare un’altra considerazione. Se Meera fosse veramente la sorella di Jon – a proposito, complimenti a chi si è occupato del casting, perché effettivamente i due si assomigliano e sarebbero credibili! – a questo punto le tre teste del drago sarebbero Dany, Jon e Meera. Il che, in effetti, potrebbe anche spiegare il motivo per cui il personaggio di Ellie Kendrick è ancora tra noi.

 

C’è da dire che questa teoria è in netto contrasto con quella che ipotizza che in realtà la terza testa del drago sia Tyrion, e qui, bisogna ammetterlo, le basi sono più solide: Tyrion è ossessionato dai draghi, ha sempre avuto la sensazione che Tywin non fosse veramente suo padre (e Tywin, prima di morire, gli dice proprio “Tu non sei figlio mio!”), nel libro i suoi occhi sono descritti di due colori diversi (uno nero e uno verde), a Westeros corre voce che Joanna  (la madre di Tyrion) sia stata insieme a Aerys (il Re Folle). Ad ogni modo, se Jon e Meera fossero veramente gemelli si tratterebbe di un vero e proprio colpo di scena, e gli sviluppi della storia potrebbero essere estremamente interessanti.

 

Come al solito, si tratta soltanto di teorie e ipotesi, non c’è assolutamente niente di certo o confermato, dunque non ci resta che aspettare la settima stagione.