di Linda Avolio

 

 

George R.R. Martin, autore delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, vorrebbe uno crossover tra Game of Thrones e Westworld. E i fan della serie, anzi, delle serie, sono assolutamente d’accordo con lui. Pare che lo scrittore americano sia rimasto molto colpito dallo show creato da Jonathan Nolan e Lisa Joy, e pare anche che abbia proposto loro un ipotetico crossover durante una cena avvenuta un paio di mesi fa. Nel futuro di WW ci potrebbero dunque essere dei residenti modellati sulle fattezze di alcuni personaggi di GOT? Un pistolero messicano chiamato “La vipera rossa del deserto” o uno sceriffo di nome Eddard?

 

Ovviamente dai diretti interessati – che comunque hanno apprezzato i complimenti da parte di Martin e la sua proposta – e da HBO non sono arrivate né smentite né conferme, dunque, a scanso di equivoci, diciamo chiaramente che per ora non c’è assolutamente nulla di concreto. Non neghiamo, però, che l’idea è quantomeno affascinante, anche se un’eventuale concretizzazione potrebbe essere quantomeno complicata a vari livelli, creativi, contrattuali, produttivi, e chi più ne ha più ne metta.

 

Visto che però siamo in vena di speculazioni, continuiamo a volare con la fantasia, e ci chiediamo: e se il mondo di Game of Thrones si rivelasse in realtà nient’altro che un altro parco a tema creato dal Dr. Ford e da Delos? Nel film del 1973, infatti, i mondi tra cui gli ospiti potevano scegliere erano tre, Westernlandia, Romamunda e Medioevonia, dunque Westeros, Essos e dintorni potrebbero tranquillamente corrispondere, almeno in via ipotetica, al parco a tema medievale. E se alla fine si scoprisse che i personaggi principali di Game of Thrones non sono altro che androidi, proprio come Dolores, Teddy e compagni? Beh, a questo punto rivogliamo indietro Khal Drogo, e subito!!

 

 

Tornando a cose più fattibili: Nolan ha dichiarato che Westworld ha tantissime cose da dire e da mostrare, e che in caso di rinnovo (che appare praticamente certo, visti gli ottimi riscontri di pubblico) possiamo e dobbiamo aspettarci di rimanere sorpresi. Per quanto abbiamo potuto vedere finora sentiamo di voler dare la nostra fiducia agli showrunner del nuovo cult di casa HBO, ma intanto continuiamo a goderci la prima stagione, in onda ogni lunedì alle 3.00 in versione originale sottotitolata (in contemporanea con gli U.S.A., poi in replica la sera) e alle 21.15 in versione doppiata.

 

 

Fonte EW.com