di Linda Avolio

 

 

Il tradimento come fonte d'ispirazione? A quanto pare sì, non a caso cinema, letteratura e televisone hanno attinto a piene mani dal calderone "corna e affini" praticamente da sempre. Non è stata ovviamente a guardare neanche la musica, infatti basta fare un giro sul web per scoprire che le canzoni "a tema" sono veramente, veramente, veramente tante. In attesa dei prossimi appuntamenti con la serie che del tradimento a tinte thriller ha fatto il suo punto di forza, The Affair - Una relazione pericolosa, in onda il mercoledì alle 21.15 in esclusiva su Sky Atlantic, ecco un elenco di canzoni per lo più contemporanee che parlano di tradimenti, pentimenti e affini.

 

 

Partiamo con alcuni pezzi recenti, degli anni Duemila. Non può ovviamente mancare Cry Me a River di Justin Timberlake (ma sarà veramente stata dedicata a Britney oppure no?), Say My Name delle Destiny’s Child (ah, l’intuito femminile!), You Know I’m No Good della compianta Amy Winehouse (non dite che non vi aveva avvisato!) e Womanizer della già citata Miss Spears (qui in veste di vendicatrice di donne tradite e di “punitrice” di un incallito Dongiovanni):

 

 

 

I classici di varie epoche. Dagli anni Sessanta abbiamo Marvin Gaye con la sconsolata I Heard It Through The Grapevine, dagli Ottanta REO Speedwagon con Keep On Loving You e il suo amore incondizionato e l’energica You Give Love A Bad Name dei Bon Jovi, e dai Novanta Melissa Etheridge con la malinconica The Weakness In Me (anche se in realtà si tratta di una cover di Joan Armatrading, che pubblicò il pezzo nel 1981):

 

 

 

C’è poi chi non la prende troppo bene e si arrabbia “dibbbrutto”, come direbbero i giovani, ma c’è anche chi fa tesoro di un’esperienza tanto triste e ne esce più forte. Tra i primi ci vengono in mente Eamon, diventato famoso nei primi anni duemila grazie all’esplicita “F**k It”, Alanis Morissette, che con You Oughta Know non le ha certo mandate a dire, e Chely Wright, che in Damn Liar ce l’ha a morte con questa persona che ha fatto della menzogna il suo stile di vita, mentre come esempio di “araba fenice” vi portiamo Christina Aguilera con l’energica Fighter.

 

 

 

Non solo amore: anche in amicizia si può tradire e di conseguenza allontanarsi per sempre, come ben ci insegnano i The Dandy Warhols e Bruce “The Boss” Springsteen, rispettivamente con We Used To Be Friends e Backstreets.

 

 

 

Anche sul fronte italiano I titoli si sprecano, ne citiamo giusto un paio, dei veri e propri classici contemporanei: Bella Senz’Anima di Riccardo Cocciante e Bella Stronza di Marco Masini. Insomma, state attenti a quelle belle!

 

 

 

E il perdono dove lo mettiamo? Lo chiediamo a Caterina Caselli e a Tiziano Ferro:

 

 

 

Comunque anche i The Corrs e hanno qualcosa da aggiungere, e chiudiamo con un bel lentone strappalacrime firmato Adele, che sta ancora chiamando per dire che è dispiaciuta:

 

 

 

 

 

Buon ascolto!