La prima stagione di Vinyl, serie televisiva statunitense creata da Mick Jagger, Martin Scorsese, Rich Cohen e Terence Winter per HBO, sta per giungere al termine con il decimo e ultimo episodio, dal titolo “Alibi”, che andrà in onda in Italia lunedì 18 aprile su Sky Atlantic HD alle 3.00 del mattino in versione originale sottotitolata e poi in replica in seconda serata e lunedì prossimo alle 21.10 in versione doppiata.

Come ogni settimana è possibile ascoltare la colonna sonora, che questa volta è stata raccolta all’interno dell’album “The Essentials: Best Of Season 1”:

 

 

Per chiudere l’appuntamento settimanale con le musiche di Vinyl, questa settimana parleremo di alcuni dei brani più significativi che ci hanno accompagnati durante le scorse puntate:

 

Kill The Lights” è un brano creato appositamente per la serie dal produttore e DJ americano DJ Cassidy in collaborazione con il grande chitarrista, compositore, arrangiatore e produttore discografico statunitense Nile Rodgers, con la cantante britannica Jess Glynne e con il cantante statunitense Alex Newell. Il brano è presente all’interno del nono episodio di Vinyl e riguardo alla sua creazione, DJ Cassidy afferma: "Con questa canzone ho voluto catturare il suono della più grande musica dance mai registrata. Ho voluto ricreare la speciale atmosfera della vita notturna di quel periodo ai giovani d’oggi”.

 

Alright Lady (Let’s Make A Baby)” è un brano scritto appositamente per la serie, presente all’interno del quarto episodio, interpretato dal cantante statunitense Charlie Wilson, vera e propria leggenda dell’R’n’B, conosciuto anche con il nome di “Uncle Charlie”, ovvero “Zio Charlie”.

 

Life On Mars?”, storico brano di David Bowie del 1973, viene reinterpretato nel sesto episodio della serie in chiave moderna dal cantautore, produttore discografico e attore statunitense Trey Songz, che canta sull’inconfondibile motivo al piano. In seguito alla scomparsa di Bowie, in cantante si è detto onorato di aver interpretato questo brano, che considera il suo personale tributo ad uno degli artisti più importanti di tutti i tempi.

 

I Dig Your Mind” è un brano del 1967 della band californiana Nervous Breakdowns, reinterpretato all’interno del quinto episodio dal cantante statunitense Iggy Pop, fondatore della band Stooges, considerata uno dei gruppi che hanno originato il movimento punk, e di cui Iggy Pop è considerto una delle icone leggendarie.

 

Strychnine” è un brano della garage rock band statunitense The Sonics pubblicato nel 1965 all’interno del loro primo album, “Here Are The Sonics”. I Sonics sono considerati fra i fondatori della scena musicale di Seattle, molto attiva nei successivi 40 anni. All’interno del settimo episodio il brano è stato reinterpretato dal musicista, attore e cantautore statunitense John Doe, cofondatore del gruppo punk rock di Los Angeles chiamato X, attivo dal 1977.

 

Where Are You Now” è un singolo scritto dal duo rock inglese Royal Blood  appositamente per la serie e presente nell’ottavo episodio. L’ispirazione per il pezzo è arrivata "ascoltando Richie Finestra [il protagonista della serie, ndr] descrivere la prima volta che una canzone ha fatto drizzare i capelli a qualcuno o che ha fatto venire voglia di ballare”, spiega il bassista e cantante della band Mike Kerr. E continua: "Volevo scrivere una canzone che mi desse quella sorta di vibrazione".

 

Watch Your Step” è un brano scritto e registrato nel 1961 dal chitarrista rhythm and blues Bobby Parker. All’interno del quinto episodio è ststo reinterpretato dalla band garage rock statunitense The Arcs, formata da Dan Auerbach, chitarrista e cantante dei Black Keys.

 

Sugar Daddy (Theme from Vinyl)” è il brano principale della serie, composto appositamente ed eseguito dal cantautore americano Sturgill Simpson, artista dell’Atlantic Records. Il brano ha ricevuto una nomination ai GRAMMY® award.

 

Venus In Furs” è un brano del gruppo rock The Velvet Underground, scritto da Lou Reed e pubblicato sul loro album di debutto del 1967, dal titolo “The Velvet Underground & Nico”. All’interno della serie è possibile ascoltare la cover interpretata da Julian Casablancas, cantante e musicista statunitense, leader della rock band The Strokes.

 

Black Coffee” è un brano del 1973 degli Humble Pie, supergruppo rock britannico formato nel 1968 da Steve Marriott (cantante, chitarrista e compositore degli Small Faces), Peter Frampton (cantante e chitarrista dei The Herd), Greg Ridley (bassista degli Spooky Tooth) e il diciassettenne batterista Jerry Shirley. Gli Humble Pie ebbero grande successo negli Stati Uniti, anche se restarono molto seguiti anche in Gran Bretagna.

 

I Wanna Be With You” è una hit della rock band statunitense The Raspberries, fondata nel 1970. È possibile ascoltare la reinterpretatazione, nel terzo episodio, del cantautore statunitense Nate Ruess, attualmente frontman della band Fun., gruppo indie rock statunitense formatosi a New York nel 2008 e divenuto noto per brani come “We Are Young”, vincitore del Grammy Award, “Some Nights” e “Carry On”.

 

Rivivi tutte le emozioni della serie con le musiche di Vinyl direttamente dal profilo ufficiale di Sky Atlantic su Deezer.