Save the Ellcrys, save the world.

 

C’era una volta il futuro. Dopo un’apocalisse nucleare, dopo la rinuncia alla tecnologia e dopo una serie di guerre che ha causato milioni di morti tra umani, elfi, gnomi, nani e troll e che si è conclusa la quasi totale estinzione dei druidi e la reclusione dei demoni in un luogo chiamato “Il Divieto”, è ancora tempo di magia. E la magia è su Sky Atlantic (e anche su Sky Generation!) grazie a Shannara, l’adattamento televisivo del bestseller Le Pietre Magiche di Shannara del prolifico Terry Brooks, il secondo volume della Saga di Shannara.

 

Prendete una principessa elfica senza macchia e senza paura, un mezzosangue (metà elfo e metà umano) che ha appena scoperto di essere l’ultimo discendente di una eroica famiglia reale e di avere la magia che gli scorre nelle vene, e una scaltra Nomade (quasi del tutto) senza scrupoli, e avrete i tre protagonisti di Shannara. Amberle (Poppy Drayton), Wil (austin Butler) e Eretria (Ivana Baquero), questi i nomi dei giovani prescelti, hanno un compito molto importante da portare a termine: sono l’unica speranza per l’Eterea, l’albero magico creato dagli elfi e dai druidi secoli or sono per tenere confinati nel Divieto Dagda Mor (Jed Brophy), il druido passato al lato oscuro, e i demoni al suo comando.

 

L’Eterea, infatti, è malata, e sta morendo. Ogni foglia che cade equivale a un demone pronto a irrompere nelle Quattro Terre per portare morte e distruzione. E in base alle visioni di Amberle, che con l’albero condivide una strana connessione, toccherà proprio a lei, a Wil e a Eretria imbarcarsi nel viaggio che segnerà il destino del mondo intero. Riusciranno i nostri giovanissimi eroi, aiutati dal potente druido Allanon (Manu Bennett, il mitico “gallo imbattuto” di Spartacus), l’ultimo della sua specie, a portare a termine quest’impresa in un mondo che sembra assomigliare al nostro passato, ma che in realtà non è altro che il nostro (preoccupante) futuro?

 

 

Completano il cast principale John Rhys-Davies, l’indimenticato Gimli della trilogia de Il Signore Degli Anelli, che qui invece interpreta Eventine Elessedil, re degli elfi e nonno di Amberle, nonché amico di Allanon, uno che sa bene cosa potrebbe significare la morte dell’Eterea, avendo sperimentato in prima persona la magia decenni addietro durante l’ultima Guerra delle Razze; Aaron Jakubenko, già visto in Spartacus: La guerra dei dannati, che in Shannara è Ander Elessedil, figlio minore di re Eventine e zio preferito della giovane prescelta di stirpe reale; Daniel MacPherson, che interpreta Arion, il fratello maggiore di Ander, interessato solamente a fare sua la corona; Emilia Burns, che nella serie è il Comandante Tilton, a capo dell’armata elfica; Marcus Vanco, che interpreta l’elfo Bandon, dotato del potere della preveggenza; Brooke Williams, anche lei già vista in Spartacus, che interpreta Catania, la fidata ancella e migliore amica di Amberle.