Manca davvero pochissimo al debutto di Vinyl, che partirà su HBO il 14 febbraio e sarà trasmesso in contemporanea su Sky Atlantic (il 15 alle 3.00, causa fuso orario, poi in replica durante la sera), dunque ci aspettano ancora alcuni giorni di spasmodica attesa. Va bene, niente a cui non si possa sopravvivere, ma il desiderio di "mettere gli occhi" sullo show ormai è alle stelle, e aumenta in modo considerevole ogni volta che esce un nuovo trailer! In attesa di vedere l’ultimo capolavoro di casa HBO, andiamo a scoprire qualcosa di più sulla serie.

 

La genesi – L’idea alla base di Vinyl è datata 2006, quando Jagger discusse con Scorsese della possibilità di girare un altro documentario sulla band. Poi invece il buon Mick propose di fare un film in stile Casino ambientato nel mondo del mercato della musica. Questo il suo concept originale: “La storia epica di due amici e dei quarant’anni passati insieme nel music-biz, dai primi giorni dell’R’n’B all’hip hop contemporaneo”. Scorsese ovviamente sarebbe stato dietro la macchina da presa, mentre la sceneggiatura sarebbe stata firmata da William Monahan, sceneggiatore di The Departed. Questo progetto sulla storia della musica venne accantonato per un po’, ma alla fine attirò l’attenzione di HBO nel 2010. Ciao ciao Monahan, benvenuto Terence Winter, che alla fine scrisse lo script del pilot di quella che sarebbe diventata Vinyl.

 

Fedeli al progetto – Bobby Cannavale, che in Vinyl sarà il discografico Richie Fontana, ma che abbiamo visto anche in Boardwalk Empire nel ruolo di Gyp Rosetti (ruolo per cui ha vinto anche un Emmy, by the way), è molto legato al progetto. E’ dal 2012 che è infatti impegnato con lo show. “E’ da qualche anno che ho la sceneggiatura di Vinyl, e nessuno la sta aspettando più di me, credetemi. E’ qualcosa di grandioso”, pare abbia dichiarato. Quanto entusiasmo!

 

 

Vinyl sarà solo su Sky Atlantic in contemporanea con la messa in onda statunitense a partire dal 15 febbraio: stay tuned!