Questa è una storia vera. Come richiesto da chi è sopravvissuto, i nomi sono stati modificati. Per rispetto verso le vittime, il resto è stato raccontato esattamente come è accaduto.

 

Signore e signori, Fargo – La serie è di nuovo tra noi. E finalmente, verrebbe da dire! Perché se è vero che dopo la prima, splendida stagione eravamo tutti un po’ preoccupati (d’altronde, non sempre le serie antologiche vengono col buco…), è anche vero che sono bastati i primi teaser per tranquillizzarci e per farci morire dalla voglia di tuffarci nuovamente nelle epiche e grottesche atmosfere della serie.

 

Se la prima stagione era ricca di riferimenti al film del 1996, la seconda, che è una sorta di prequel, è invece ricca di riferimenti ai dieci episodi che l’hanno preceduta. In questo nuovo capitolo ritroviamo infatti non solo Lou Solverson, qui in versione “giovane e molto fico marito e padre di famiglia”, ma anche Molly, ancora bambina, ovviamente. E poi c’è la questione del famigerato Massacro di Sioux Falls (ndr, quello inventato, non quello che accadde realmente): nella prima stagione i personaggi fanno riferimento più volte a questa presunta tragedia, e ora, nella seconda, finalmente scopriremo cos’è successo.

 

Ma facciamo un passo indietro. Luverne, Minnesota, 1979. Durante una notte buia ma non tempestosa, Peggy Blumquist (Kirsten Dunst), un’insoddisfatta e frustrata estetista con sogni di gloria e di realizzazione totale, investe Rye Gerhardt (Kieran Culkin), il più giovane (e imbranato) dei fratelli Gerhardt, la famiglia criminale che governa il North Dakota, che si trova a Luverne per sistemare una faccenda urgente. Peggy, però, va in panico, e alla fine toccherà a suo marito Ed (Jesse Plemons), che nella vita sogna soltanto di acquistare la macelleria dove lavora come assistente e di avere dei figli, insabbiare il misfatto. Peccato che i Gerhardt siano degli ossi duri, così duri che la mafia di Kansas City ha deciso di farli fuori, prima con le buone, “rilevando la loro attività”, e poi con le cattive.

 

Morto chiama morto, scomparso chiama scomparso, e alla fine a indagare sui fatti che danno il via agli eventi raccontati nella season 2 viene chiamato niente meno che Lou Solverson (Patrick Wilson), che nel 1979 è un aitante agente della polizia di Stato (provate voi a mantenere intatto il vostro charme con quella divisa!) reduce dal Vietnam. Al suo fianco ci sono la moglie Betsy (Cristin Milioti), la figlioletta Molly (Raven Stewart) e il suocero Hank Larsson (Ted Danson), sceriffo della Contea di Rock.

 

Completano il ricco cast – qui trovate la gallery con le descrizioni dei personaggi – Jean Smart (Floyd Gerhardt), Jeffrey Donovan (Dodd Gerhardt), Rachel Keller (Simone Gerhardt), Angus Sampson (Bear Gerhardt), Nick Offerman (Karl Weathers), Brad Garrett (Joe Bulo), Bokeem Woodbine (Mike Milligan), Keir O'Donnell (Ben Schmidt), Zahn McClarnon (Ohanzee Dent), Michael Hogan (Otto Gerhardt), Elizabeth Marvel (Constance Heck), Allan Dobrescu (Charlie Gerhardt), Brad e Todd Mann (i fratelli Gale e Wayne Kitchen).

 

 

L’appuntamento con la seconda stagione di Fargo – La serie è ogni martedì alle 21.10 a partire dal 22 dicembre.