Al posto di Parco della Vittoria c’è Approdo del Re. Mentre Viale Traiano diventa il Pugno dei Primi Uomini e Largo Magellano si trasforma in Fortezza di Craster. Scompaiono anche le iconiche pedine: al posto del fiaschetto, del fungo, della candela, della pera, della zucca e della pianta ci saranno le uova di drago, una corona, un trono, il corvo con tre occhi, un white-walker e un meta-lupo. In tutto ciò viene meno anche l’ansia da mattone: casette e alberghi sono sostituite dai più medievali villaggi e fortezze.

Restano i soldi, ma il loro possesso serve per lo più ad accumulare terreni e punti strategici per centrare l’obiettivo finale: sconfiggere i nemici per conquistare il regno che campeggia al centro del tabellone e così sedere sul Trono di Spade.


Già si annuncia con numeri da blockbuster la versione speciale di Monopoly rivisitata in chiave Trono di Spade. Arriverà nel corso del 2015, insieme all’attesa stagione numero 5, e, almeno negli Stati Uniti, sarà venduta a 60 dollari (ancora non sono stati diffuse le date e i prezzi per il lancio in Europa).


A giudicare dal numero di retweet e favoriti dell’annuncio su Twitter, c’è da scommettere che diventerà presto uno dei più amati tra i remake del celebre gioco. Già diverse altre serie di culto sono state riproposte in versione Monopoly: dai Simpson a The Big Bang Theory, passando per The Walking Dead, Star Wars, Indiana Jones, I Pirati dei Caraibi e finanche I Puffi

Un dettaglio della pedina con il meta-lupo


La versione Game of Thrones di Monopoly è stata realizzata da USAopoly che già si è occupata del ri-adattamento in gioco da tavola di The Walking Dead e di altre serie.

Già in passato, comunque, era stata lanciata una versione non ufficiale di Monopoli in chiave Trono di Spade. L’aveva realizzata la webzine io9, chiamandolo Thronopoly.