Che la carneficina abbia inizio, dice Frank Underwood all'inizio della seconda stagione di House of Cards (in onda da stasera, martedì 23 settembre, su Sky Atlantic), ma questo pomeriggio sarebbe stato più corretto dire Che il corteo abbia inizio!.

E’ nel giorno più atteso per i fan della serie che va in scena un’imponente operazione di guerrilla: un corteo preceduto e seguito da una scorta di quattro moto e composto da due auto blu «presidenziali» sventolanti bandiere simil americane, ha infatti “sfilato” per il centro di Roma nei luoghi-simbolo del potere, da Piazza Venezia a Piazza Colonna, passando per Via del Corso, Corso Vittorio Emanuele e Piazza delle Cinque Lune.

Durante il corteo, un gruppo di persone si è avvicinato alle auto “presidenziali” mostrando su alcuni cartelli (e ripetendo a voce) frasi antipolitiche di forte impatto, “Potere alle lobby”, “La democrazia è sopravvalutata” e “Muovetevi. Nell’ombra.” Frasi ciniche, proprio come i toni e i protagonisti della serie.

Dopo aver collezionato con la prima stagione 3 Emmy Awards e un Golden Globe (vinto da Robin Wright), la serie rivelazione prodotta da Netflix e distribuita da Sony prosegue da questa sera con i machiavellici giochi politici firmati Frank Underwood, interpretato dal due volte Premio Oscar Kevin Spacey.