Stare in città d'estate vi intristisce? I locali che frequentate di solito la sera sono chiusi per ferie? La Storia vi annoia? Ebbene, la soluzione a questi tre problemi esistenziali potrebbe essere più vicina di quanto pensiate, perché dal 18 agosto, ogni lunedì su Sky Atlantic andranno in onda le repliche della prima stagione de I Tudors e della seconda stagione de I Borgia, dunque niente più tristezza, niente più serate vuote, e niente più noia.

Si parte alle 21.10 con il primo episodio della prima stagione de I Tudors, la serie che vede Jonathan Rhys-Meyers nei panni dell’affascinante Re Enrico VIII d’Inghilterra e Natalie Dormer, la scaltra Margaery Tyrell de Il Trono di Spade, in quelli piuttosto discinti della seducente Anna Bolena.

Il primo capitolo dello show, che negli U.S.A. è andato in onda dal 2007 al 2010 sul canale Showtime per un totale di quattro stagioni e trentotto episodi, si concentra sulla prima parte del regno di Enrico VIII, prima dello scisma dalla Chiesa Cattolica e della nascita della Chiesa Anglicana.

Il sovrano è sposato da quasi vent’anni con Caterina d’Aragona (Maria Doyle Kennedy) che però non riesce a dargli un erede (i due ebbero solo una figlia, Maria, conosciuta in seguito come Bloody Mary, Maria la Sanguinaria).
Enrico, è preoccupato, ha bisogno di un figlio maschio a cui lasciare il Paese e la corona, così chiede aiuto al fidato Cardinale Wolsey per convincere il Papa a lasciarlo divorziare, anche perché c’è un’altra dama nei suoi pensieri: la bellissima Anna Bolena. Una donna per cui perdere la testa…o meglio, una donna che perderà la testa!

Ma non divaghiamo. Oltre alle questioni di cuore, Enrico dovrà darsi fa fare anche nelle questioni di politica estera (i rapporti con l’odiata Francia) e interna (l’ingerenza della Chiesa Cattolica ha raggiunto limiti esageratamente alti, e un sovrano assoluto, scelto direttamente da Dio, non può chinarsi di fronte a vescovi e cardinali, anzi, non può chinarsi neanche di fronte al Papa!). Riuscirà il personaggio di Jonathan Rhys-Meyers a tenere a bada la sua corte e a ottenere quello che desidera, cioè la mano di Anna Bolena, e possibilmente un erede?


Alle 22.10, invece, è la volta della famiglia più incestuosa del piccolo schermo. Stiamo ovviamente parlando della famiglia Borgia, e in attesa della terza stagione, in onda prossimamente su Sky Atlantic in esclusiva, ne approfittiamo per fare un ripasso di quanto accaduto durante la seconda, che riprende il racconto esattamente dove si era interrotta la prima, cioè con la morte di Giovanni Borgia, il prediletto di Papa Alessandro VI.

L’anno è il 1494, e il Sommo Pontefice sta attraversando un momento difficile perché è divorato dalla “malinconia” per la morte del figlio e perché è rimasto solo: Giulia Farnese è infatti stata esiliata insieme alla figlia Laura a Orvieto, dove passa le sue giornate ad annoiarsi; Cesare, che ha deciso di dire addio alla vita ecclesiastica per seguire ambizioni decisamente più terrene, è alla corte del Re di Napoli, contravvenendo così alla bolla papale che gli intima di lasciare l’Italia; Lucrezia, infine, sogna ancora di trovare l’amore vero, ma intanto vive segregata in casa della madre Vannozza in attesa di partorire.

In Vaticano accanto al Papa, ormai, c’è solamente il fidato Francesc Gacet, che praticamente si occupa sia delle questioni di politica estera (i rapporti con gli altri grandi sovrani europei) sia di quelle di politica interna (il Palazzo Pontificio è infatti un covo di serpi, e bisogna sempre stare attenti a intessere le giuste alleanze).

Il declino è vicino? Oppure Rodrigo “il Catalano”  riuscirà a riprendersi e a comandare lo Stato Pontificio in nome del Signore col pugno di ferro, mettendo a tacere i suoi nemici?


L’appuntamento con la prima stagione de I Tudors e con la seconda de I Borgia è ogni lunedì a partire dal 18 agosto, solo su Sky Atlantic.