di Linda Avolio
 
 
 
 
Studiare il sesso significa studiare l’inizio stesso della vita.

Cosa succede al nostro corpo durante il sesso? Quali sono i cambiamenti fisiologici che avvengono nell’uomo e nella donna durante l’atto sessuale? Alla base della mastodontica ricerca messa in piedi dal Dr. William Howell Masters e dalla sua assistente, la psicologa e sessuologa (nonché sua futura seconda moglie) Virginia Eshelman Johnson, ci sono delle domande non da poco.
Il risultato di questo studio, che durò ben undici anni, fu il volume "L'atto sessuale nell'uomo e nella donna", pubblicato nel 1966, e, come si può facilmente immaginare, causò un fiume di polemiche, ma allo stesso tempo illuminò la classe medica e il popolo americano su un argomento che veramente riguarda tutto il genere umano.

Una storia senza dubbio molto interessante quella dei due “pionieri del sesso”, al punto da essere trasformata in una serie tv ispirata al romanzo biografico di Thomas Maier “Masters of Sex: The Life and Times of William Masters and Virginia Johnson” e scritta da Michelle Ashford (già autrice di The Pacific), che negli U.S.A. è andata in onda sul canale Showtime, mentre in Italia sarà trasmessa in esclusiva su Sky Atlantic a partire dal 9 giugno.

Siamo nel 1956 a St. Louis, e William “Bill” Masters (Michael Sheen), la rock star del reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale universitario della Washington University, ha in mente un’unica cosa: studiare le risposte fisiologiche del corpo umano durante l’atto sessuale. Un campo di ricerca piuttosto particolare, non c’è dubbio, infatti Bill inizialmente si limita a guardare le “performance” lavorative della prostituta Betty DiMello (Annaleigh Ashford), ma le misurazioni sono per forza di cosa sommarie e approssimative.

Ci vuole invece estrema precisione per raccogliere i dati corretti, ed è per questo che il Dr. Masters decide di chiedere al rettore dell’università, nonché suo mentore, Barton Scully (Beau Bridges) l’assegnazione di fondi specifici per la ricerca. Fondi che, ovviamente, non vengono assegnati, perché l’argomento è troppo spinoso.

Saremo anche vicini agli albori della rivoluzione sessuale, ma il mondo in cui vive il protagonista è ancora fortemente influenzato agli usi e costumi del passato. Fortunatamente, a sconvolgere tutto arriva l’intraprendente Virginia “Ginny” Johnson (Lizzy Caplan), un’ex cantante di night club, divorziata due volte, con due figli a carico e alla ricerca di un’occupazione. Virginia diventerà infatti la segretaria di Masters, ma la loro collaborazione si spingerà ben oltre, perché sarà proprio lei a fargli da assistente per questa ricerca “ai limiti del pudore”.

Completano il cast Nicholas D’Agosto, che interpreta il giovane pupillo di Bill, il Dr. Ethan Haas, innamorato perso di Virginia e disposto a tutto pur di averla per sè; Caitlin Fitzgerald, che interpreta la moglie del protagonista, Libby, che sogna di dare un figlio al suo grande amore, non importa se in modo “naturale” o grazie alla scienza; Teddy Sears, che interpreta il fedifrago Dr. Austin Langham, uno dei primi partecipanti alla ricerca di Masters; Heléne Yorke, che interpreta l’impiegata Jane Martin, un’amica di Virginia che presterà il suo corpo alla scienza; Allison Janney, che interpreta la ultra repressa moglie di Scully, Margaret; Rose McIver, che interpreta la figlia di Barton e Margaret, Vivien, che si innamorerà di Ethan; Ann Dowd, che interpreta la rigida madre di Bill, Estabrooks; Julianne Nicholson, che interpreta Lillian DePaul, una delle prime dottoresse in ostetricia e ginecologia; e Mather Zickel, che interpreta il secondo ex marito di Ginny, George Johnson.

Riusciranno Bill e Virginia a scoprire i misteri del sesso?


L’appuntamento con i primi due episodi di Masters of Sex è per lunedì 9 giugno alle 21:10, solo su Sky Atlantic.