Cosa succede se si prende David E. Kelly, il creatore di Ally McBeal, e l’eccentrico Robin Williams? Semplice: nasce un nuova spumeggiante comedy, The Crazy Ones, in onda su Sky Atlantic a partire da giovedì 10 aprile alle 20:10.

Benvenuti alla “Lewis, Roberts + Roberts”, l’agenzia pubblicitaria più fulminata del piccolo schermo. Sarà forse perché il titolare è l’eccentrico e geniale Simon Roberts, interpretato da un Robin Williams in splendida forma, una vera e propria leggenda del mondo dell’advertising? Tanto è silenzioso e tormentato Don Draper, il protagonista di Mad Men, quanto è frizzate ed esagerato Simon, una vera e propria forza della natura.

Eppure l’agenzia non sta passando un bel momento: e se la folle scintilla creativa del titolare si fosse definitivamente spenta? La “Lewis, Roberts + Roberts” è destinata al fallimento?

Neanche a pensarci! A rimettere in riga un Simon in crisi creativa sarà infatti la seconda Roberts del nome, Sydney, la figlia del personaggio di Robin Williams, interpretata da una Sarah Michelle Gellar che ha appeso il paletto di legno al chiodo e che sembra perfettamente a suo agio in questo ruolo comico. Sydney, socia dell’agenzia e direttrice creativa, è, ovviamente, l’opposto del padre: tanto lui è eccentrico e impulsivo quanto lei è controllata e riflessiva. O almeno, ci prova a esserlo, anche perché con dei colleghi come i suoi…

I colleghi in questione sono il copywriter Zach Cropper (James Wolk), la versione più giovane di quel matto di Simon (non a caso i due vanno straordinariamente d’accordo!), l’art director Andrew Keanelly  (Hamish Linklater), timido e imbranato con il sesso opposto, e l’assistente Lauren Slotsky (Amanda Setton), svampita ma meno idiota di quanto possa sembrare.

Infine una nota senza dubbio positiva per i fan di Robin Williams e Sarah Michelle Gellar: i loro personaggi saranno doppiati dai loro doppiatori storici, Carlo Valli e Barbara de Bortoli.

L’appuntamento con i primi due episodi di The Crazy Ones è per giovedì 10 aprile alle 20:10 su Sky Atlantic.