di Marco Agustoni

Venerdì 29 marzo alle 21.10, su Sky Cinema, andranno in onda le due ultime puntate di Boardwalk Empire 3 e con esse l'epilogo di una stagione al di sopra di ogni aspettativa. E c'è da giurarci, uno dei personaggi ormai storici della serie, il gangster afroamericano Chalky White, avrà un ruolo di primo piano nel conflitto finale tra il nostro Nucky Thompson e il suo rivale Gyp Rosetti. Nel frattempo, il temibile boss della comunità nera di Atlantic City è diventato uno dei più amati dal pubblico.

Il perché di questo successo è facilmente spiegabile: il personaggio interpretato dal bravissimo Michael K. Williams è un duro. Uno di quelli veri, che sono partiti dalla polvere e sono arrivati in alto. Uno di quelli che, in tempi ben lontani dall'emancipazione dei neri negli Stati Uniti, non ha paura di discutere alla pari con tutti quei bellimbusti bianchi che lo guardano dall'alto in basso. Mettetegli davanti un uomo del Ku Klux Klan, e sarà in grado di farlo impallidire ancor più del lenzuolo che indossa per nascondersi il volto. Ecco quindi che sulla popolare piattaforma di microblogging Tumblr hanno cominciato a circolare decine e decine di omaggi dedicati a Chalky, per lo più foto e gif animate in cui vengono messi in luce la strafottenza e l'enigmaticità del personaggio, considerato da alcuni il nonno di tutti i gangsta rapper.



In più, Chalky White è un personaggio reale, come sottolinea questo articolo pubblicato su Loop 21. Non nel senso che mister White è ispirato a un personaggio reale, come molti altri suoi colleghi di Boardwalk Empire, ma perché rappresenta un tipo di afroamericano dell'epoca realmente esistito. In parte gangster, in parte capo comunità, desideroso di diventare qualcuno di importante all'interno di una società ostile, il personaggio incarnato da Chalky White è esemplare di quel momento storico in cui i neri negli Stati Uniti si sono stufati di porgere l'altra guancia e hanno deciso di rispondere a tono agli affronti subiti.

Ma Chalky White, in Rete, è anche diventato un'icona di stile. I completi colorati, spesso eccessivi, tradiscono la necessità di mettersi in vista, ma nonostante ciò conservano una loro innegabile eleganza. E sono diventati l'oggetto di studi puntigliosi del suo vestiario, come esemplifica questo articolo della Gentleman's Gazette. Un altro motivo di ammirazione sta nel fatto che Chalky, pur essendo analfabeta a causa delle sue umili origini, comprendendo che la vera libertà passa anche attraverso la cultura non esita a investire nell'educazione dei suoi figli. E, quando questi gli chiedono una mano nel fare i compiti, si trova inevitabilmente in imbarazzo.

Insomma, il personaggio interpretato da Williams arriva a fare concorrenza, in quanto a popolarità, al protagonista assoluto Nucky Thompson. E su Complex, all'interno di una speciale classifica dei venticinque gangster più duri della storia della televisione, arriva a piazzarsi a un ottimo nono posto, prima di tipacci come Clay Morrow di Sons of Anarchy e... Fat Tony dei Simpson!