La prima cosa che si nota in Sara, professione anestesista, è una bellezza da togliere il fiato.

Oltre a quella, però, spiccano subito altre due sue caratteristiche: l’indipendenza e il cinismo.
Sono tutte armi con le quali si difende la bella Sara, interpretata da una stupenda Kasia Smutniak.

Nonostante sembri avere tutto dalla vita, in Sara si annida un dolore profondo e oscuro.
Le cause non sono ancora emerse, tuttavia assieme al Dottor Mari scopre che il suo vero problema sono gli uomini: in lei brucia un desiderio incontenibile di seduzione.

Sedurre non è solamente una necessità di conferma, bensì un bisogno vitale.
Quando poi una relazione diventa stabile, Sara fa di tutto per sabotarla e, immancabilmente, ci riesce.

Lo sta facendo anche con il suo attuale compagno, ma il motivo stavolta è diverso: Sara si è innamorata di un altro uomo.

Di chi?
Del Dottor Mari, il suo analista.